FacebookSocial Media News

Intel: Il Metaverso di Facebook avrà bisogno di +1000 volte la potenza di calcolo attuale

Con pezzi di terra (o meglio qualche MB di spazio) venduti nei mondi virtuali per milioni di dollari, NFT che inondano Internet e dipendenti di Meta (ex Facebook) che pronunciano la parola “metaverso” oltre 80 volte durante una presentazione di apertura il mese scorso, sembra che il metaverso stia decollando, o al almeno ronzare intorno all’idea. È tutto clamore? Qualcuno lo capisce davvero? Quando arriverà qui, se non l’ha già fatto?

Secondo le informazioni rilasciate questa settimana dal gigante della produzione di chip Intel, il metaverso è in arrivo, ma ci vorrà molta più tecnologia di quella che abbiamo attualmente per renderlo realtà e la società prevede di essere in prima linea nello sforzo.

In questo momento, mondi virtuali e di gioco come Second Life, The Sandbox, Roblox o Decentraland vengono combinati con le prime iterazioni del metaverso, ma a parte l’hype, in realtà non siamo neanche lontanamente vicini ad avere la tecnologia per costruire un mondo virtuale 3D persistente. E cosa significa anche “un mondo virtuale 3D persistente”?

Proposta

Il libro di Neal Stephenson Snow Crash, pubblicato nel 1992, è stato il luogo in cui è apparso per la prima volta il termine “metaverse”; lì, descriveva un mondo virtuale 3D che le persone potevano visitare come avatar; hanno avuto accesso a questo mondo virtuale con visori per realtà virtuale collegati a una “rete mondiale in fibra ottica”. Un altro riferimento noto è il libro del 2011 o il film del 2018 Ready Player One.

Per quanto riguarda il modo in cui questi resoconti fittizi si traducono nella vita reale, il modo più semplice per descrivere il metaverso è come una rete connessa di mondi virtuali 3D che è sempre “acceso” e accade accanto alle nostre vite nel mondo reale. Il venture capitalist e scrittore Matthew Ball afferma che possiamo pensare al metaverso come a uno “stato quasi successore di Internet mobile”, che si baserà e trasformerà Internet come lo sperimentiamo attualmente.

“Saremo costantemente ‘dentro’ Internet, piuttosto che avere accesso ad esso, e all’interno dei miliardi di computer interconnessi intorno a noi”, ha scritto Ball nel suo Metaverse Primer. Mark Zuckerberg ha descritto il metaverso in modo simile, definendolo “un Internet ancora più coinvolgente e incarnato”. Immagina questo: ti allacci un auricolare o un paio di occhiali, premi un interruttore e boom: sei ancora in piedi nel tuo salotto, ma stai anche camminando attraverso un mondo 3D come un avatar di te stesso e puoi interagire con altre persone che stanno facendo la stessa cosa dai loro salotti.

Essere costantemente all’interno di Internet non sembra così attraente per noi personalmente, anzi, suona piuttosto terribile, ma la buona notizia per coloro con un sentimento simile è che la “visione completa” del metaverso, secondo Ball, è che mancano ancora decenni, principalmente a causa dei progressi nella potenza di calcolo, nel networking e nell’hardware necessari per abilitarlo e supportarlo.

Infatti, secondo Raja Koduri, VP del gruppo di sistemi di elaborazione e grafica accelerati di Intel, alimentare il metaverso richiederà un miglioramento di 1.000 volte dell’infrastruttura di calcolo che abbiamo oggi. “Devi accedere a petaflop [mille teraflop] di elaborazione in meno di un millisecondo, meno di dieci millisecondi per usi in tempo reale”, ha detto Koduri a Quartz . “I tuoi PC, i tuoi telefoni, le tue reti perimetrali, le tue stazioni cellulari che hanno una certa capacità di calcolo e il tuo cloud computing devono lavorare insieme come un’orchestra”.

Koduri ha sottolineato in un comunicato stampa di questa settimana che anche solo per mettere insieme due persone in un ambiente virtuale realistico sono necessari avatar dall’aspetto realistico con vestiti, capelli e pelle dettagliati e unici. Dare a questi avatar funzionalità vocali e di movimento in tempo reale significa che abbiamo bisogno di sensori in grado di raccogliere dati audio e fisici, inclusi oggetti 3D negli ambienti del mondo reale degli utenti. Questi dati devono quindi essere trasferiti a un’elevata larghezza di banda con bassa latenza, per centinaia di milioni di utenti contemporaneamente.

Intel afferma che sta sviluppando chip progettati per aiutare a potenziare il metaverso e prevede di rilasciare una nuova serie di processori grafici all’inizio del prossimo anno. Altri componenti chiave del lavoro incentrato sul metaverso dell’azienda includono algoritmi specializzati, un’architettura chiamata Xe e strumenti e librerie di sviluppo software aperti.

Non è chiaro esattamente come o quando il metaverso “arriverà”; è un processo che avrà luogo in modo incrementale nel corso di anni o decenni. Koduri, però, è molto ottimista. “Crediamo che il sogno di fornire un petaflop di potenza di calcolo e un petabyte di dati entro un millisecondo da ogni essere umano sul pianeta sia alla nostra portata”, ha scritto.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close