SocialMediaLife.it

La nuova facies di LinkedIn

LinkedIn ha pianificato di rinnovarsi, ridisegnando layout e design della piattaforma.

“A newer, simpler, and more modern design.
We’ve revamped the entire Homepage experience with a new look and feel to make it easier to scan and find the information that matters most to you”

È quanto scrive Caroline Gaffney, product manager di LinkedIn, sul blog ufficiale della società di Palo Alto.

Le innovazioni concernono e l’aspetto meramente grafico e quello funzionale. Il design più semplice e chiaro renderà più facile navigare nella pagina e trovare velocemente gli aggiornamenti o le notizie, situate in alto sul feed, che l’utente sta cercando o che gli interessano maggiormente.

Cosa cambia?

Questa è la vecchia pagina di LinkedIn:

E questa è la nuova:

Come è possibile notare la barra dei menu è apparentemente sempre la stessa, ma adesso resterà fissa in alto mentre si scorre giù e intorno con il mouse. I principali articoli e notizie sono sul feed, e questo consente di restare informati su cosa importa di più, come i topic di tendenza, notizie e aggiornamenti professionali in relazione a cosa si sta leggendo, condividendo e discutendo. Tutto ciò dovrebbe significare tanto risparmio di tempo.

È possibile, inoltre, selezionando la voce “più recente”, visualizzare gli aggiornamenti nell’apposita sezione. Quest’ultima è a sua volta più ricca, con visualizzazione delle foto più grande e scansione più semplice, come più semplici sono la vista degli argomenti, di contatti, commenti e condivisioni.

C’è già chi parla, in merito a queste innovazioni, di un tentativo di avvicinamento di LinkedIn ai social network più famosi e celebri: Facebook e Google+.
Altri, invece, provano a svelare le motivazioni segrete del restyling: chi vi vede una mossa per far dimenticare lo scandalo delle password rubate, e chi, invece, lo interpreta come una veemente reazione al recente divorzio da twitter.

Quale che sia la verità, godiamoci la nuova homepage del più celebre social professionale.

Vincenzo Ferrara

Exit mobile version